Giuseppina Rotondi Crescita Personale-Costellazioni Familiari-Archetipi dell'Anima-Brain Gym-Grafomotricità
Home » Percorso Archetipi dell'Anima

Percorso Archetipi dell'Anima

 - Giuseppina Rotondi

COME CONOSCERE LA MATRICE DELLA TUA ESISTENZA

Archetipi dell'Anima

I SENTIERI INFINITI DELL'ANIMA ALL’INTERNO DELLA VITA
(PERCORSO IN 6 MODULI)

Presentazione gratuita del Percorso:
Giovedì 28 Marzo ore 17,30 - presso Libreria Naturista - Via degli Albari 2/d - Bologna


Cosa sono gli "Archetipi dell'Anima"

Conoscenza ed elaborazione della propria matrice dell’anima secondo il modello sviluppato da Varda Hasselmann autrice del libro “Archetipi dell’Anima”.

Gli Archetipi dell’Anima sono uno strumento di conoscenza della propria Anima e di se stessi che una “Famiglia d’anime”, la “Fonte”, alla fine del suo ciclo di incarnazione sulla Terra, ha concordato di fare arrivare alla conoscenza umana. Per fare questo hanno scelto come primo canale medianico la Dott.ssa Varda Hasselmann, una studiosa italo-tedesca che lasciò il suo lavoro accademico per dedicarsi a ciò che le stava richiedendo l’Universo. La “Fonte” ha letteralmente dettato le conoscenze sull’Anima, servendosi di un linguaggio chiaro, pratico e comprensibile affinché potesse arrivare alle persone in modo trasparente. I suoi messaggi nonché la teoria e la spiegazione del metodo sono raccolti principalmente nel libro “Archetipi dell’Anima”, Edizioni Tecniche Nuove, scritto da Varda Hasselmann e Frank Schmolke.
Attraverso una combinazione di fattori energetici, chiamati ARCHETIPI, l’Anima sceglie prima di ogni vita terrena una MATRICE grazie alla quale si troverà a sperimentare sulla terra l’amore in ogni sua forma, attraverso le innumerevoli combinazioni che la dualità terrena ci offre.
Il fine è quello di mettere insieme, al termine del ciclo evolutivo, le singole conoscenze, per contribuire al perpetuo movimento universale mosso unicamente dalla grande forza dell’Amore.
La Matrice è una combinazione di 7 ARCHETIPI, che l’ANIMA sceglie prima di arrivare sulla Terra, per fare una determinata esperienza di crescita e di evoluzione:

1) L’ESSENZA
2) LE DUE PAURE
3) LO SCOPO
4) LA MODALITA’
5) LA MENTALITA’
6) I CENTRI DI REAZIONE
7) L’ETA’

Alcuni di questi fattori appartengono all’Anima e restano invariati, seguendola durante tutto il ciclo della sua evoluzione, altri invece sono più legati alla parte umana, formando ogni volta nuove combinazioni tra loro che permettono all’Anima di fare svariate esperienze di crescita e di consapevolezza terrena.
La Terra, con la luce del giorno e l’ombra della notte, è il posto più adatto per l’Anima per sperimentare la dualità e la polarità (bene e male, felicità e infelicità, gioia e tristezza, benessere e dolore, giustizia e ingiustizia, ecc.) e per farlo ogni volta in modi diversi, si sceglie a priori la sua combinazione di Archetipi, che prevede uno scopo e varie modalità con le quali raggiungerlo, comprese le paure che rappresentano gli attriti e le sfide più grandi. 
Le paure sono così incisive e determinanti che a volte possono offuscare la vera essenza e il vero scopo dell’Anima, facendoci vivere in abiti che non ci appartengono, imprigionati e identificati in convinzioni e schemi mentali che bloccano la creatività, la gioia di vivere e il flusso in avanti della vita.

 

Come strutturo il lavoro con gli Archetipi

Gli Archetipi dell'Anima vengono elaborati durante un Percorso in 6 Moduli.

E’ consigliabile leggere prima del Training il libro “Archetipi dell’Anima” ed. Tecniche Nuove per cominciare ad affinare la propria percezione su cosa potrebbe essere la propria Anima e farsi già un’idea sull'Essenza e sulla combinazione della propria Matrice; in fondo è una parte integrante di noi ed è interessante chiedersi quanto la conosciamo o quanto crediamo di conoscerla.

Prima del Training viene canalizzata la propria Matrice dei 7 ARCHETIPI, per questa ragione è importante iscriversi con largo anticipo. 
Chiedere la Matrice è un atto di responsabilità verso se stessi e la propria crescita, per questo per riceverla e per intraprendere un percorso di crescita personale è necessario avere la maggiore età. 

Richiederla per persone che non hanno dato il loro consenso o che non sono disposti ad intraprendere un lavoro interiore, toglie forza sia a chi la richiede sia a chi “è costretto” a riceverla.

Anche chiedere la Matrice per un figlio minore può essere controproducente se il figlio ne viene a conoscenza, in quanto il rischio è quello di generare nel ragazzo altri conflitti interiori oltre a quelli già esistenti in una fase così delicata della sua crescita; potrebbe caricarsi di un’aspettativa da parte dei suoi genitori e/o di un’etichetta da rispettare, senza sentirsi libero di poter sbagliare e di sperimentarsi nelle varie situazioni che la vita gli presenta per poter crescere.

Può essere invece di valido aiuto in casi particolari, come disabilità, difficoltà di apprendimento, dipendenza, ecc. In questi casi è necessario lavorare prima con almeno uno dei genitori, e poi con il ragazzo qualora fosse necessario, affinché conoscendo ed elaborando loro stessi la Matrice del proprio figlio, possano sostenerlo, accompagnarlo ed indirizzarlo nella vita con scelte appropriate alla sua unicità.

DATE 6 MODULI
11 - 12 Maggio 2019
9 - 10 Giugno 2019
6 - 7 Luglio 2019
31 Agosto - 1 Settembre 2019
28 - 29 Settembre 2019
19 - 20 Ottobre 2019

Le iscrizioni si chiudono al raggiungimento del numero dei partecipanti.

CONTRIBUTO ECONOMICO
Il costo del percorso è di 840 euro incluso IVA che comprende anche la Canalizzazione della propria Matrice dell’Anima da versare con le seguenti modalità: 
- Caparra di 150 Euro 
- 1a rata - 230 euro al 1° Modulo
- 2a rata - 230 euro al 3° Modulo
- 3a rata - 230 euro al 5° Modulo
Accordandosi con la direzione è possibile fare pagamenti in diverse rate.

Per iscriversi è necessario:
1) compilare e firmare il modulo (PDF da scaricare al piede) e la Privacy inviandola a:
giuseppina.rotondi@yahoo.it

2)
Versare la caparra:  IBAN IT29S0760102400000066379579 intestato a Giuseppina Rotondi

L’insegnamento spirituale: un movimento senza fine

L’insegnamento spirituale: un movimento senza fine - Giuseppina Rotondi

Sono davvero grata al mio lavoro che mi permette di far conoscere ad altri questo strumento altamente spirituale e allo stesso tempo così reale e concreto, portando chiarezza nella loro vita sia privata che professionale e a ritrovare quella genuinità di vivere, troppo spesso dimenticata o lasciata nella scatola dei bei ricordi, come andare a rispolverare una vecchia foto e rivivere la stessa gioia di quando eravamo giovani e felici.

L’esperienza con gli Archetipi è stata così intensa e determinante per me che appena ho iniziato a lavorare con le persone non ho potuto fare a meno di chiedere alla Dott.ssa Hasselmann la sua collaborazione per la canalizzazione delle Matrici dei partecipanti ai miei corsi.
Il suo “permesso” mi ha reso ancora più riconoscente verso il mondo spirituale e la “Fonte”, che mi aveva dato la possibilità di diventare un suo canale. 
Quando Varda ha deciso di non canalizzare più le Matrici, ho incontrato sulla mia strada Milena Natali, autrice del libro “Vieni qui, fatti abbracciare”, professionista seria e pragmatica, da anni nel campo della medianità, così come mi era stato preannunciato da Varda in una sua precedente lettera.
Verificando personalmente la sua capacità di comunicare con altri livelli di coscienza e di tradurne i messaggi con chiarezza, non ho potuto fare a meno di parlarle degli Archetipi dell’Anima. E in un modo molto naturale, in mia presenza, in una canalizzazione ha chiesto alla “sfere più alte” se era possibile comunicare con la “Fonte”, la quale si è manifestata con la sua potente energia e con tutto il piacere di collaborare con degli umani per mandare avanti i messaggi di insegnamento sull’anima e sulle sue esperienze terrene. 

E’ stato lì che ho capito che il lavoro con gli Archetipi non si sarebbe fermato e che i messaggi della “Fonte” e del mondo spirituale, una volta iniziati non possono essere interrotti, sono un movimento senza fine e che quando l’essere umano acconsente e dice sì, essi trovano sempre dei nuovi canali per insegnarci a vivere la quotidianità in accordo con la nostra Anima.

Il valore della Matrice

Conoscere la propria Matrice è un dono, è un lavoro di introspezione senza fine e senza tempo, che arriva per concessione da parte di una Forza spirituale che va ben oltre la pura curiosità e sete di conoscenza superficiale dell’ego. 
La curiosità a volte è una grande spinta, a volte è una grande trappola dell’ego.
Per questo conoscerla passo dopo passo aiuta ad assimilarla e a farla propria per arrivare ad una vera integrazione a tutti i livelli dell’essere.

Conoscere la propria matrice solo ad un livello mentale e non farne un tesoro di consapevolezza profonda, può ridurla a un’etichetta o ad un metro di confronto, ad un vanto o ad una critica.

L’Anima ha bisogno di un livello di consapevolezza molto più profondo per potersi manifestare e le cellule di molto più tempo per poter integrare e assimilare le nuove conoscenze.

E’ importante che la conoscenza della Matrice venga accompagnata anche da un lavoro energetico per viverla nel corpo, sentirla nel cuore, assaporare la sua “verità”, nei tempi e nei modi che una tale conoscenza, profonda e di spessore, richiede.
Sperimentare via via la propria Matrice è un lavoro delicato che va a scavare in profondità facendo risvegliare e guarire parti cadute negli abissi di noi stessi.
Essere accompagnati in un lavoro di percezione della propria Matrice aiuta ad uscire dalla “trappola” che impedisce di vedere la propria Essenza nella confusione delle proprie paure.
 

Gli Archetipi “in gruppo”

Il lavoro con gli Archetipi dell’Anima porta in sé un grande insegnamento: il rispetto per chi siamo e soprattutto per chi sono gli altri.
Il lavoro in gruppo permette di vedere la bellezza della manifestazione dell’amore attraverso ogni partecipante, fa assaporare l’unicità della Matrice di ognuno, del percorso di evoluzione di ognuno.

Gli Archetipi insegnano che le diversità esistono non nel giudizio di chi è migliore o peggiore, ma semplicemente perché ognuno ha qualcosa da portare e da donare e che solo l’integrazione può portare l’unione e la “guarigione”.

Non esiste un’Essenza migliore di un’altra o una Matrice migliore di un’altra, una paura più bella e una meno bella.

Gli Archetipi aiutano a vedere non solo la nostra eccellente qualità che è l’Essenza, ma anche le paure dietro alle quali essa si nasconde, ci insegnano a riconoscerle in chi ci sta vicino e se siamo capaci di “aggirarle” e guardare cosa c’è dietro alla profondità dei suoi occhi, potremo vedere solo l’amore della sua Essenza.

Ognuno è perfetto così com’è e tutti siamo particelle necessarie per un disegno più grande. 

Articolo su Vivere Sostenibile che verrà pubblicato sul numero di Aprile 2019

INCONTRARE LA PROPRIA ANIMA
PERCORSO “ARCHETIPI DELL’ANIMA”

Chiamo Anima quella parte di me che mi spinge fuori dalle mie resistenze, che mi porta ad aprirmi e a confrontarmi con il mondo e con le mie paure. A sentire la libertà di esprimermi e di essere.
E’ la motivazione che mi porta a manifestarmi per ciò che sono e non per ciò che vorrei essere.
E’ quella vocina che mi spinge oltre il conosciuto, che mi fa rimettere in gioco ogni volta. E la riconosco dalla scia che lascia: un senso di appagamento e di gioia indescrivibile.
Dopo anni di “allenamento” nella percezione del mio corpo e del mio sentire, ho imparato a riconoscerla, ho imparato a sentirla nel cuore. Credevo che avrei dovuto cercarla sui libri, ma l’Anima si sente nel cuore e ha bisogno di spazio e tempo.
Quando ho conosciuto e sperimentato lo strumento degli “Archetipi dell’Anima” ho sentito una voce dentro di me che urlava: “Finalmente!”… Finalmente stavo donando tempo alla mia Anima e il posto giusto che meritava. In quel momento sono stata pervasa da un profondo senso di commozione e nostalgia, quella stessa commozione che colgo negli occhi dei partecipanti tutte le volte che vengono a conoscenza della loro Matrice. E quando arrivano le lacrime è arrivata la “verità”. Conoscere la propria matrice dell’anima identifica l’irripetibile unicità del “colore” di ognuno di noi e del suo compito sulla Terra e nell’Universo. Si tratta di un lavoro di crescita personale, è uno strumento che viene donato alle persone per scoprire la propria individualità nella più ampia appartenenza di cui tutti ne siamo parte integrante ed essenziale.
Oltre alla conoscenza della propria Matrice, il lavoro offre aspetti che si riveleranno via via e che porteranno a incontrare la Matrice dell’Anima del lavoro stesso. 
Chi cerca la propria essenza deve imparare a entrare nella profondità dell’ascolto e dell’esperienza di sé, giorno dopo giorno, passaggio dopo passaggio.
La conoscenza profonda della propria anima è per tutti coloro che la ricercano e la richiedono e la commozione negli occhi di chi la riceve, è la motivazione più grande che mi porta a divulgare questo strumento e a offrire alla persona un luogo dove potersi ritrovare e riconoscersi.
La molla che spinge la maggior parte delle persone verso questo tipo di percorso è il soddisfare la mera curiosità di sapere. “Che Essenza ha la mia anima? E’ un’anima vecchia o un’anima giovane?” Ma sappiamo che la guarigione spirituale non può arrivare dalla conoscenza di una nozione o da risposte che passano solo attraverso la mente. Per questo un percorso di sei incontri permette alla persona non solo di conoscere la struttura della propria Anima ma anche di sperimentarla e di sentirla nel corpo energeticamente. Allora può accadere la vera unione tra Anima e corpo per poterne beneficiare in ogni ambito della propria vita.
Secondo lo strumento degli “Archetipi dell’Anima”, prima di “intraprendere” una vita terrena l’Anima si sceglie una serie di elementi energetici che vanno poi a comporre la struttura della sua Matrice.
L’Amore è il motore dell’Anima, è il sentimento universale che la spinge in avanti in un movimento senza fine attraverso i suoi cicli di incarnazione. Grazie alla dualità che offre la Terra con la sua luce e la sua ombra, durante ogni vita terrena l’Anima può sperimentare l’Amore in ogni sua forma.
Proprio perché le forme dell’Amore sono infinite, prima di ogni vita l’Anima, in base all’esperienza che decide di fare, si sceglie una determinata matrice.

Il Percorso gli “Archetipi dell’Anima” è un Percorso di conoscenza interiore durante il quale, lavorando con la propria Matrice, è possibile conoscere gli elementi che la compongono: l’Essenza, le due Paure archetipiche, lo Scopo, la Modalità, la Mentalità, i due Centri di reazione, l’Età. 
Il Percorso permette di entrare nella conoscenza della struttura della propria Anima e, grazie a esercizi energetici di percezione, contattarla e riconoscerla. 
Conoscere soprattutto l’Essenza e quanto essa possa rimanere inibita dietro alle due Paure, aiuta a comprendere i meccanismi che costringono a vivere una vita che non ci appartiene, nascondendo la vera gioia e il vero appagamento. 

Incontrare la propria Anima è una rivelazione, è togliersi il velo di protezione per sentirsi finalmente liberi e commossi. Solo quando il seme guadagna la sua libertà dall’involucro che lo protegge, può germogliare in una nuova pianta e in un nuovo progetto di vita.

 Prima del Percorso è interessante leggere il libro “Archetipi dell’Anima” di Varda Hasselmann e Frank Schmolke.

Giuseppina Rotondi

Informazioni e iscrizioni

Informazioni e iscrizioni - Giuseppina Rotondi

GIUSEPPINA ROTONDI
Centro "La Capanna dell'Anima"

Via Caivola, 2 (Borgo Lavacchiello)
40
050 Monterenzio - Bologna


Tel. 333 1015344
segreteria.giuseppinarotondi@gmail.com
www.giuseppinarotondi.it


Per chi arriva da altre città, nelle mappe di GOOGLE scrivere Giuseppina Rotondi oppure Centro La Capanna dell'Anima (anche senza indirizzo) e vi guiderà direttamente.